Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
Sulle elezioni presidenziali in Francia - [IFE Italia]
IFE Italia

Sulle elezioni presidenziali in Francia

comunicato di IFE Italia
martedì 9 maggio 2017

All’indomani delle elezioni francesi, un turno particolarmente drammatico che ha visto fronteggiarsi il peggior rappresentante del capitalismo europeista e il partito fascista di Marie Le Pen, noi di Iniziativa Femminista Europea in Italia teniamo a esprimere la nostra preoccupazione per questo presente e la nostra urgenza di organizzazione.

Il 66,1% di Macron non è evidentemente il risultato di una volontà popolare, dal momento che al primo turno il candidato di En Marche! aveva raccolto l’assenso del 24,01% delle e dei votanti: è l’esprimersi di un antifascismo che conserva una forza sufficiente in un popolo tuttavia non impermeabile a svolte reazionarie. Sarebbe assurdo pensare che i voti a favore di Macron al ballottaggio siano una scelta convinta, e farebbe male il nuovo presidente francese a nascondere questa evidenza (sulla quale a quanto pare Matteo Renzi sorvola).

Ancora, il dato del 33,9% di Le Pen raccoglie non solo le preferenze del primo turno e dei vari umori a destra, ma anche una parte della volontà antisistema. Volontà, questa, plurale e sfumata nei suoi colori politici, che si esprime sicuramente nel più alto livello di astensionismo al secondo turno dal 1969, il 25,44%, ma anche nei 3,01 milioni di schede bianche.

Di nuovo quindi, un paese europeo rimane all’interno della logica capitalista e dell’europeismo economico. Il dato è che questo sistema, pur irriformabile, si salva solo per uno sforzo di rifiuto del fascismo, che tuttavia monta in modo spaventoso con il 21,30 % al primo turno (Le Pen padre, nel 2002 al ballottaggio con Chirac perde col 17,79%, mentre Le Pen figlia nel 2012 al primo turno prende il 17,90%).

Guardando ai voti assoluti vediamo che al primo turno il FN aveva ottenuto circa 7 milioni di voti, mentre al ballottaggio arriva a quasi 11 milioni. Questo dato ci preoccupa particolarmente in quanto è l’espressione di un ampio settore di cittadine e cittadini che legittima un progetto fascista e xenofobo e considera il nazionalismo come via possibile all’uscita dalle politiche di austerità. Noi affermiamo invece che nessun progetto nazionalista – sia di destra che di sinistra – è sostenibile e che la soluzione politica alla crisi in corso non può prescindere da un progetto di giustizia sociale e di solidarietà in un’Europa che non è unione economica ma dei popoli.

Come femministe siamo preoccupate per la complementarietà tra l’imbarbarimento sociale e umano del sistema liberista e l’ascesa di vari assolutismi tanto ideologici quanto religiosi, che svuotano di senso e annullano la rappresentanza e gli spazi democratici. La catastrofe liberista appare inarrestabile: è il momento di scegliere, presto e bene, e di costruire un’uscita a sinistra che offra un’alternativa umana, sociale ed economica all’oscurantismo di destra.

IFE Italia


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 219263

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito L’EUROPA CHE VORREMMO   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License