Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
da "La tentazione" - [IFE Italia]
IFE Italia

da "La tentazione"

di Patrizia Valduga
venerdì 21 gennaio 2011 par ifeitalia

In giornate "furibonde" che offendono la dignità delle donne, le parole forti di Patrizia Valduga, splendida poeta contemporanea

In questa maledetta notte oscura con una tentazione fui assalita che ancora in cuore la vergogna dura.

Io così pudica, così compita, vedevo un uomo a me venire piano e avvolgermi quasi avido la vita;

un altro ne veniva e con la mano oh delicatamente lui mi apriva, e un altro e un altro e un altro ch’era vano

a guerra apparecchiarmi d’armi priva già incatenata, e senza una catena, nel tempo che la vita non par viva.

"Non vuoi? piccola piccola sirena..." Posso io non volere e star da lato? "Oh lasciatemi!" e respiravo appena,

il cuore dalla sua sede saltato. Con cento mani vinte le mie braccia Tutte le ossa mi avevano contato,

ad ogni cavità davan la caccia; nel denso, nelle viscere spremuta, in una tomba di carne che schiaccia

e macina e mette al niente... perduta. Che mai feci, che mai feci mio Dio? Mercè, pietà, perdono, chi mi aiuta?


"Il vostro sguardo insolente dovrà chinarsi... Voi, bastardi tracotanti, l’alba che viene tutti squaglierà!"

"Si squaglieranno solo i tuoi amanti in quell’alba che tutti i sogni smura, goffi fra tremiti e vene, spïanti

lì per giocarti, per farci paura. So che lo sai..." "Non so nessuna cosa, puliscimi la tua slumacatura."

"Come sei altera e disdegnosa! Sconcialtela così che me la prenda e disbrami la voglia che mi posa."

Poi col le reni in una morsa orrenda, "Or godi e taci, or... ti resti dentro". E mi convien tacere, per ammenda.

"Vedi come veloce in te m’inventro, vedi come lo vuoi e tieni tutto, vedi che piangi umore dal tuo centro...

ecco rientro, e coli dappertutto. Via di qui, voi, che più non mi resiste, in piacere si volta il suo gran lutto."

Altra doglia e delizia insieme miste intorno ad un calore ch’io non so m’ingolfavano il cuore e fu ben triste

venire a resa pur gridando "No!", per fame di carne grassa di grasso e sangue.. e per mia scusa che dirò?

"Sento l’alba salire passo a passo, con lei ti lascio, anima confusa; il tuo cielo ho innalzato ch’era basso

e più non fonderai come ti ho fusa fuor dei denti di ieri e di domani. Se la vista del sole non ti è chiusa

vinca tua guardia i movimenti umani!" E tu, alba, giungi ben tardi e greve, se ancora par che tocchino le mani

e il ventre palpita geme e beve dalle sue vene salive segrete... Questo è il mio schifo, il mio dover tra breve

tirarmi su, venir dove voi siete, vere ombre e fantasmi e larve vere. Odio voi, odio il giorno e la sua rete,

ma nel mio buio so quasi tacere


Forum

Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 199619

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito FIOR DA FIORE   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License