Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
"Figadvisor": perché stupirsi? - [IFE Italia]
IFE Italia

"Figadvisor": perché stupirsi?

di Penny
venerdì 14 giugno 2019

Da leggere!

Fonte: https://comune-info.net/

Immagine : Sigrid Hjertén " Promenade en rose"

In un liceo alcuni ragazzi stilano la classifica “Figadvisor, dalla più alla meno bombabile”, dove “bombabile” sta per “scopabile”. Il preside decide che se ne deve parlare nelle classi. E molti applaudono. “Qualcosa che dovrebbe essere normale all’interno di una scuola, diventa un fatto straordinario – scrive Penny – L’educazione alla sessualità, l’educazione al rispetto di genere dovrebbero essere materia di interesse delle nostre scuole, altroché…”. Del resto le norme sul delitto d’onore sono state abrogate solo nel 1981. Del resto il bombardamento pubblicitario è chiaro…

Il linguaggio sentito e percepito ha questo potere enorme: diventare azione. Diventa azione, ad esempio, in un liceo quando dei ragazzi stilano una classifica dal titolo “Figadvisor, dalla più alla meno bombabile” con tanto di voto, nel nord della nostra bella e acculturata Italia (la notizia).

La verità è che non mi stupisco più. Quel “Figadvisor” prevede delle recensioni, si valutano delle ragazze in base al loro aspetto, per non dire di peggio. Decido io, ragazzo, se sei “bombabile” ovvero scopabile.

D’altronde, perché dovrebbe essere diverso? È di poco tempo fa, mi sembra, una sentenza che assolveva gli stupratori e tra le motivazioni riportava che la vittima non era abbastanza femminile per aver subito violenza.

Noi donne siamo sempre soggette a critiche feroci. Al di là della simpatia o meno, ricordo su Maria Elena Boschi frasi del tipo: chissà chi si sarà scopata per arrivare fin lì! Nessuno si è mai chiesto chi si è scopato Renzi o Salvini per arrivare fin lì. Nessun merito per noi. Solo merce.

Non mi stupisce sentire uomini accusare le donne di essere delle provocatrici. Ti vesti in un certo modo quindi vuol dire che ci stai.

All’ultima presentazione del mio romanzo parlando di bellezza, quella subita, quella per cui una donna è stata educata fin da piccola al mantra: devi piacere; un uomo tra il pubblico si alza e mi dice: “Siete voi che dovete parlare alle altre donne, quelle che si imbellettano, si truccano (troppo, immagino volesse intendere) per piacere agli uomini”.

Siamo noi. Ecco. Siamo noi che educhiamo i figli maschi. Siamo noi che abbiamo la colpa.

Dipende dal nostro modo di vestirci e di agire. In qualche modo ce la siamo cercata. Siamo noi donne le nostre peggiori nemiche, ci viene detto pure questo. Siamo noi. E chiudiamola li.

Forse bisogna tornare indietro, alle bambine. Quando nasce una bambina le si forano le orecchie, spesso, le si mette una fascia rosa con fiorellini rosa al seguito, prima che crescano i capelli ecc… ed è così che gli elementi esterni di genere modellano il nostro modo di essere.

Come modellano quello dei bambini con le immagini dei supereroi stampate in ogni dove. Gli adolescenti, poi, assistono a programmi e serie TV, seguono Youtuber, in cui si reificano le donne, si esprimono commenti maschilisti e in cui amore, sesso e affettività vengono ordinati alle battute di cattivo gusto e al sessismo.

Ragazzine che diventano famose insegnando ad altre ragazzine come mettere alla perfezione il mascara, come vestirsi, come mostrarsi ecc… Questa è la conseguenza del linguaggio e dell’aria che hanno respirato e respirano i nostri ragazzi e le nostre ragazze ogni santo giorno. Basta volgere lo sguardo verso qualche cartellone pubblicitario in giro e accorgersi come è intrinseca l’idea che una bambina, una ragazza, una donna debba piacere. Ora ci stressano pure con la terza età. Sia mai che possiamo invecchiare in pace.


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 361288

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito CON VOCE DI DONNA   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License