Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
INTERVISTE TUNISINE - [IFE Italia]
IFE Italia

INTERVISTE TUNISINE

a cura di Nicoletta Pirotta
giovedì 23 aprile 2015

Le interviste sono state pubblicate da "Il Paese delle donne" on line (www.womenews.net/)

Durante il Forum Sociale Mondiale (FSM) di Tunisi , tenutosi dal 24 al 28 marzo scorsi, a proposito del quale il « Paese delle donne » ha recentemente pubblicato un mio report, ho ho avuto la possibilità di conoscere Sihem El Habed, giovane tunisina che conosce perfettamente l’italiano, esponente di « Casa Africa » un’associazione internazionale con presenze anche in Italia con la quale abbiamo organizzato , all’interno del FSM, un seminario sulla funzione e sulla necessità del femminismo oggi.

Grazie alla disponibilità di Sihem abbiamo avuto l’opportunità di rivolgere alcune domande a tre donne tunisine, differenti per età e professione . Ci interessava , al di fuori del FSM, raccogliere commenti ed impressioni di donne sulla complessa situazione della Tunisia, un paese importante se si ragionea in una dimensione geo-politica e nel contesto euro-mediterraneo.

Le domande hanno riguardato la situazione odierna in Tunisia, l’impatto determinato dalle cosiddette « primavere arabe », l’attentato terroristico al Museo del Bardo e le conseguenze che tutto ciò ha determinato e determina sulla vita delle donne.

Le brevi interviste , nella loro semplicità, consentono di raccogliere impressioni, stati d’animo ed opinioni di donne che vivono in prima persona la realtà tunisina.

Sihem El Habed, inoltre, ha voluto rispondere lei stessa alle domande offrendo ulteriori spunti di riflessione.

Grazie dunque a Sihem con la quale resteremo in contatto anche tramite « Casa Africa ».

Nicoletta Pirotta (IFE Italia)

a)Comment évaluez-vous la situation sociale , politique et économique en Tunisie ? (Trad. : « Qual’e il vostro giudizio sulla situazione sociale, politica ed economica in Tunisia »)

Monjia Haoula ( 54 anni, imprenditrice): « moyenne , nous pourrons mieux faire » (trad. « così così, potrebbe andare meglio »)

Najeh Mokhtar ( 48 anni impiegata in una agenzia assicurativa) : « chaotique » (trad. : « è il caos »)

Meriam Bellil (38 anni, insegnante di italiano) : « Siamo nella « m**da »

b)comment sont- elles placées les soi-disant « révolutions arabes » et quelles sont leurs répercussions sur la situation sociale et politique ? (trad. « come si sono collocate nel contesto tunisino le cosiddette « rivoluzioni arabe » e che ripercussioni hanno avuto sulla situazione sociale e politica ? »)

Monjia H. : « La révolution tunisisenne est differentes des autres et leur répercussion est bonne à long terme » (trad : « Le rivoluzioni tunisine sono state differente dalle altre e le loro ripercussioni si sentiranno sul lungo periodo « )

Najeh M. : « ils ont été créés par le nouvel ordre mondial pour affaiblir et faire sombrer les sociétés arabo musulmane lesquels sont tombés dans le piège » (trad. « esse sono state alimentate dal nuovo ordine mondiale per indebolire e far affondare le società arabo-musulmane che in effetti sono cadute nella trappola »)

Meriam B. : “le cosiddette rivoluzioni arabe hanno causato più danni che effetti positivi dal punto di vista sociale. Invece politicamente hanno aperto la porta al multipartismo, sopratutto hanno aperto la porta ai partiti di opposizioni veri e propri e non di cartone come erano nel precedente regime”

c) Que pensez-vous des attentats du Musée du Bardo ? (trad. « cosa pensate dell’attentao al Museo del Bardo ? »)

Mongia H. : « Lache et criminel » (trad. : « vile e criminale »)

Najeh M.: « il n’aurait jamais dû arriver si nous prenons au sérieux ce mouvement terroriste. Une meilleure rigueur et discipline sont imminent » (trad. : « non avrebbe dovuto accadere se avessimo preso sul serio la minaccia terrorista. Devono prevalere un rigore ed una disciplina migliori »)

Meriam B.: gli attentati del Bardo hanno colpito tutti e hanno spaventato i tunisini. Ma vista la situazione d instabilità che viviamo ed i precenti attentati era una cosa che poteva accadere”

d)tout cela a influencé et influence la vie des femmes ? (trad. « tutto ciò influenza la vita delle donne ?)

Mongia H. : « Oui »

Najeh M. : « surtout pas ! » (trad. : « soprattutto la vita delle donne»)

Meriam B. : “tutto questo ha dato più forza, più potere e soprattutto maggior volontà alle donne . Se vediamo tutti Ie manifestazione noteremo sicuramente che la presenza delle donne di tutte le età è di gran lunga maggior di quella degli uomini. Questo fatto è confermato anche dall’esito delle ultime elezioni: è stato il voto delle donne a determinare la vittoria del partito che ha ottenuto la maggioranza.

e) pensez-vous que le féminisme a quelque chose à dire à ce sujet ? (trad . : credete che il femminismo abbia delle cose da dire in questo momento ?)

Mongia H. : « Absolument »

Najeh M. : « le nationalisme est primordial le reste viendra !!! » ( trad. : « prima di tutto il nazionalismo, tutto il resto si vedrà »)

Meriam B. : sicuramente il futuro sarà nelle mani delle donne , non credo che le mamme e le moglie a cui sono morte delle persone care in nome della patria lasceranno che i colpevoli restino impuniti ma cercheranno sicuramente di agire attraverso le associazione delle società civile. Come tra l’ altro la già fatto la vedova di Chokri Belaïd. (ndr : noto avvocato tunisino fondatore del « partito dei patrioti democratici » confluito nel « Fronte popolare Tunisino » assassinato il 6 febbraio del 2013).

Risposte di Sihem El Abed (36 anni, assistente di direzione in un’agenzia di comunicazione) ( ndr: Sihem El Abed è una delle attivista di “Casa Africa”, l’associazione che , durante il Forum Sociale di Tunisi, insieme a FAE e Trasnform! , ha organizzato il seminario “"En quoi le féminisme est une force pour une société de réelle égalité dans tous les domaines et un rempart contre tous les extrémismes? Why and how feminism is a force for real equality in all fields of society and a bulwark against all sorts of extremism?")

A)La situazione sociale è in processo di miglioramento dopo le elezioni 2014. La società si sente relativamente confortata dopo l’uscita dal governo del pericoloso “nahdha” (partito islamico). Infatti ,dopo la loro vittoria nelle elezioni del 2011, i simpatizzanti di questo partito sono diventati violenti e provocatori e questo ha creato molta tensione sociale che si vede ovunque, anche nelle amministrazioni pubbliche . Dopo le ultime dichiarazioni del governo per combattere il terrorismo ,un fenomeno sconosciuto sinora al paese ,la gente riprova un certo sentimento di fiducia nei confronti del governo. La situazione sociale sta migliorando nonostante l’esistenza del terrorismo ,si vedono azioni per la pulizia delle città. Dal punto di vista economico il costo della vita e il potere di acquisto rimangono un gran problema, contemporaneamente certe attività conoscono grande crisi mentre altre sono in espansione malgrado tutto (come per esempio il settore edile)

B)Le cosiddette rivoluzioni della primavera araba, generalmente, hanno avuto un impatto negativo sul popolo tunisino, soprattutto sul piano sociale ed economico, in particolare per il fatto che “l’islam “è stato presentato, ipocritamente, come vittima e l’occidente , tout court, come oppressore dei poveri . Il tentativo è stato quello di dividere la società tra "musulmani" e non musulmani e di associare l’ateismo alla laicità. Ma la forza e la grande capacità di sensibilizzazione della società civile hanno evitato al paese una guerra civile, soprattutto dopo il tentativo dei “fratelli “ integralisti, favorevoli a Marzouki, candidato alle presidenziali del 2014, di dividere la Tunisia tra sud e nord dopo che gli “nahdaoui “ (gli aderenti al partito islamico) hanno provato a dividerci tra islamisti e laici e tra le coste e le zone dell’interno (meno sviluppate)

Per quanto riguarda il gran numero di terroristi tunisini in Siria, c’è da sottolineare che la maggior parte di loro si è trasferita senza consapevolezza della situazione siriana. Sono stati corrotti con i soldi a partire dal fatto che una gran parte di loro provengono da ambienti sociali difficili (povertà e marginalità)e tanti erano stati prigionieri per furto e atti di criminalità ( al tempo dell’ex presidente Marzouki ad ogni festa nazionale o religiosa si liberavano un gran numero di detenuti pericolosi con l’obiettivo di trasferirli in Siria) Ai laureati o universitari è stato invece assegnato il compito del “lavaggio di cervello” e di interfaccia nei confronti di giovani vagabondi o non- istruiti

C)Con gli attacchi terroristici al Museo del Bardo ,hanno voluto inviare un messaggio forte al governo e al popolo , come per dire che sono in grado di procedere in qualsiasi posto , anche nel cuore della Camera dei deputati ,anche nel palazzo presidenziale se lo volessero. Attaccare i turisti è stata una scelta precisa sia per accendere l’interesse dei media di tutto il mondo sulle loro operazioni terroristiche, sia per far abbassare il morale e per mettere in mostra i difetti e le falle della sicurezza nazionale. Volevano farci sentire soli ed isolati e far sì cosi non venga più in Tunisia. L’attacco terrorista era atteso, ma nessuno immaginava che avrebbero avuto il coraggio di farlo in un luogo abbastanza sicuro come un Museo così importante come il Bardo.

D)L’attentato del museo di Bardo forse colpisce gli uomini in Tunisia , ma sarà più difficile che siano colpite anche le donne, perché sono le più forti! Le donne tunisine hanno vissuto e continuano a vivere il << terrorismo >> dentro le mura domestiche e quindi sono vaccinate e pronte per affrontare altre forme di terrore (hehehehe !!)

Dall’altra parte tutti i leader dei partiti politici affermano che non c’è paura in Tunisia. In particolare le donne tunisine hanno difeso il concetto di modernità del paese e durante elezioni hanno avuto un ruolo importante tramite le sit-in e le manifestazioni per battere i “fratelli” integralisti.

E)Per il femminismo la lotta continua per la parità tra uomo /donna dentro e fuori casa , in particolare per i loro diritti . Per esempio le donne tunisine che dopo il divorzio non hanno figli minori non hanno nessun diritto e se non lavorano possono trovarsi, a 50 o 60 anni, con le mani vuote e per strada. Infatti, ciò che hanno costruito, con una partecipazione finanziaria, fisica e morale, con i loro ex mariti non viene loro riconosciuto.


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 207419

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito CON VOCE DI DONNA   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License