Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
25 novembre 2012: IL DIRITTO DI AVERE DEI DIRITTI - [IFE Italia]
IFE Italia

25 novembre 2012: IL DIRITTO DI AVERE DEI DIRITTI

di Nicoletta Pirotta, IFE Italia
venerdì 23 novembre 2012

25 novembre 2012: giornata internazionale contro la violenza sulle donne

immagine : dipinto di Brigid Marlin

“La cosa peggiore è il modo in cui sono stata trattata: hanno cercato di togliermi la dignità di donna”, così ha spiegato Elisabetta Collu lavoratrice presso un Carrefour del cagliaritano la violenza di cui è stata fatta oggetto. Elisabetta è una lavoratrice precaria assunta da una cooperativa con un contratto precario che le consente di racimolare un salario variabile che va dai 300 ai 700 euro mensili . A fine luglio ha scoperto di essere incinta correttamente ha avvisato i datori di lavoro che per congratularsi l’hanno licenziata. A proposito di difesa della vita fin dal suo concepimento!

Savita Halappanavar, una donna irlandese di origine indiana, ha perso la vita dopo che i dottori le hanno negato l’interruzione di gravidanza alla 17esima settimana, motivandola con il fatto che l’Irlanda “ è un paese cattolico". Savita ha chiesto più volte, in preda a violenti dolori, che si intervenisse ma i medici le hanno risposto che finché si sentiva il battito cardiaco del feto non si poteva fare niente. Così è morta Savita in un paese, l’Irlanda, che nel 2012 ancora non si è dotato di una legge sull’interruzione volontaria della gravidanza che preveda il diritto delle donne all’autodeterminazione. Si è aperta un’indagine per comprendere meglio la dinamica degli eventi , tenuto conto anche del fatto che la norma che consente l’interruzione di gravidanza in caso di rischio per la vita della donna ,almeno quella, è prevista. Ma intanto Savita non c’è più.

La crisi economica incalza, i sistemi pubblici di protezione sociale sono messi in discussione in ogni parte d’Europa e con essi il diritto alla salute, all’assistenza, alla casa ed all’istruzione. In particolare in Grecia, un paese strangolato da un debito che ha determinato solo in parte ma in nome del quale si affama la popolazione. In questo contesto , a Firenze all’interno l’ incontro del Forum Sociale Europeo durante il workshop “Le donne di fronte alla crisi, al debito ed alle politiche di austerità; pratiche di resistenze ed alternative femministe” , le donne greche presenti hanno informato che nel loro paese nelle strutture sanitarie pubbliche non viene più garantita la copertura finanziaria per l’assistenza al parto. Chi vuole partorire in un ospedale pubblico deve pagare 1.500 euro! I rischi per la salute delle donne e delle/dei nasciture/i è elevatissimo, visto che solo in poche possono permettersi il “lusso” di pagare migliaia di euro per il parto.

Il 25 novembre giornata internazionale contro la violenza sulle donne sarebbe bene ricordarci anche di queste violenze che hanno la loro origine nei sistemi di poteri che governano il mondo . Sistemi che si fondano sulla logica del profitto economico a scapito della qualità della vita delle persone e nei quali ancora fa fatica a trovare spazio l’idea che la donna sia un soggetto avente dei diritti, in primo luogo quello di autodeterminarsi.

Rassicura però la constatazione che in ogni parte del mondo le donne non si rassegnino ad un “destino” da “secondo sesso” e lottino per affermare con tenacia il “nostro diritto ad avere dei diritti”.

In Italia si è costituita la lista “donne nella crisi” con l’obiettivo di sostenere , diffondere e creare legami di solidarietà con tutte le lotte nelle quali le donne provano a contrastare gli effetti perversi della crisi e delle politiche di austerità.


Forum

Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 199619

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito SPERANZE E DESIDERI   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License