Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
Le crepe di un fragile equilibrio - [IFE Italia]
IFE Italia

Le crepe di un fragile equilibrio

Di Lucia Annunziata
mercoledì 2 febbraio 2011 par ifeitalia

Il primo febbraio del 1979 l’ayatollah Khomeini ritornava in Iran, il 26 marzo dello stesso anno il presidente egiziano Anwar al Sadat firmava a Washington gli accordi di pace con Israele.

Il primo febbraio del 1979 l’ayatollah Khomeini ritornava in Iran, il 26 marzo dello stesso anno il presidente egiziano Anwar al Sadat firmava a Washington gli accordi di pace con Israele. Il mondo occidentale risolveva un problema e ne acquistava un altro; trovava un nemico e guadagnava un amico. Per capire l’importanza dell’Egitto occorre tenere in mente quella data che segna anche il delinearsi del nuovo turbolento Medio Oriente in cui ancora viviamo. Da allora il mondo - e il nostro in particolare- si regge su questo precario bilanciamento fra un mondo musulmano con governi a ispirazione religiosa e governi moderati. L’Egitto è da allora il perno di un incerto equilibrio fra queste due realtà; un Paese sostenuto e strapagato, per questo suo ruolo, da tutte le democrazie occidentali, in primis gli Stati Uniti che al Cairo dedicano il loro secondo contributo in aiuti internazionali (dopo quello a Israele) anche per il ruolo che il Paese gioca nella lotta al terrorismo musulmano. L’Egitto stesso vive immobilizzato da questo precario equilibrio fra stato di polizia e patria del radicalismo dei Fratelli Musulmani. Immobile al punto che il presidente Hosni Mubarak è ormai chiamato il Faraone. Immobile, fino a ieri. Ieri infatti è successo qualcosa che gli egiziani e il resto del mondo non vedevano da tempo: grandi manifestazioni che hanno riempito le strade del Cairo, di Alessandria di tante altre città del Delta. In nome della Tunisia, rendendo visibile e fattibile l’ipotesi di un contagio della rivolta democratica a tutti i Paesi del Nord Africa. Con la differenza che si diceva: se l’Egitto esce dal suo immobilismo la crisi che si apre ha esiti imprevedibili, e soprattutto incalcolabili nel loro impatto. Quello che si capisce dalle mobilitazioni di ieri ci parla innanzitutto di veri nuovi segnali che arrivano dalla società cairota. Intanto, si segnala la dimensione delle manifestazioni. Bisogna riandare indietro alle proteste contro la guerra con l’Iraq, e, prima ancora, ai moti per il pane degli Anni 70, per trovare qualcosa di simile. A differenza con il passato, però, quella di ieri è una ribellione non nata e nemmeno approvata (almeno ufficialmente) dal movimento dei Fratelli Musulmani. Al contrario, i vari appuntamenti sono nati dalla parte più moderna dell’inquietudine che attraversa l’Egitto, i giovani del gruppo del 6 Aprile, i giovani che hanno lavorato in questi anni coordinandosi tra le mille repressioni della polizia, su Internet. Le stesse parole d’ordine gridate ieri invocavano infatti democrazia senza riferimenti a nessuna piattaforma religiosa. La durata e la diffusione delle manifestazioni è il segno migliore di quanto sentita sia questa richiesta. Ma segnali diversi sono arrivati, rispetto al passato, anche dal governo. Significativo è che nelle piazze contro i manifestanti non sia stato inviato l’esercito, ma la polizia; e che, nonostante la risposta dello Stato, tutto sommato la repressione sia stata di mano leggera - al punto che molti osservatori pensano che il governo abbia in fondo lasciato la protesta esprimersi. Non sono segnali da poco. L’esercito in Egitto, come in quasi tutti i Paesi arabi «moderati» ha in mano la vera sorte dei governi. Di certo in Egitto è la forza decisiva in questo lungo autunno del Faraone Mubarak. Ugualmente attendista è apparso ieri l’altro grande protagonista della vita sociale egiziana, che, come si diceva, non si sta schierando per ora con la protesta, ma neanche contro: nelle file dei manifestanti non c’erano così ieri le bandiere dei Fratelli Musulmani, ma molti dei suoi militanti hanno partecipato. Tutto dunque fa pensare che si sia aperta una nuova pagina per l’Egitto. Una svolta negli eventi che forse nessuno prevedeva e che di sicuro nessuno sa che cosa inneschi.


Forum

Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 196493

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito PAROLA DI DONNA   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License