Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
[IFE Italia] : Inviare un messaggio
IFE Italia

Inviare un messaggio

In risposta a:

Seminario “Dove stiamo andando su questa “tera” ….? IFE Italia: femministe in relazione per un’azione politica condivisa su potere, desideri, lavoro, diritti, laicità"

Valutazione e prospettive
domenica 25 marzo 2012

Il seminario di IFE Italia dal titolo “Dove stiamo andando su questa “tera” ….? IFE Italia :femministe in relazione per un’azione politica condivisa su potere, desideri, lavoro, diritti, laicità”, che si è tenuto il 24 e il 25 marzo 2012 a Costa Serina, ha visto la partecipazione di donne provenienti da LOMBARDIA E TOSCANA.

Nella prima sessione del seminario si è riflettuto sulle donne e il potere. Il vivace confronto che si è determinato ha portato alla luce la necessità di darsi un orizzonte che sappia contenere le rotture, desiderabili e necessarie, rispetto alla realtà dell’ oggi, caratterizzata da una prepotente riaffermazione di poteri antichi capaci di rinnovarsi continuamente e dunque difficili da scardinare. Con questa consapevolezza, che è di genere e di classe, noi, femministe di IFE ci siamo poste alcune domande sapendo che le risposte non potranno che essere trovate c su tempi lunghi ma con l’altrettanta convinzione che è necessario, fin da oggi, darsi delle indicazioni operative coerenti con l’utopia a cui tendiamo. La nostra riflessione ci ha permesso di condividere l’idea che il potere, per come si presenta e si esercita, è usato per affermare sé stesse e se stessi, ma soprattutto se stessi, e garantire interessi parziali. Un potere siffatto non può cher tramutarsi in prevaricazione, dominazione, esclusione.

Noi, femministe di IFE non rifutiamo affatto il potere ma siamo convinte che debba esserne cambiato il paradigma. Il potere per noi deve avere la dimensione ed il metodo della cura : cura di sé, delle e degli altri e del mondo. Questo è possibile nel momento in cui si cambiano le relazioni tra persone e nella società per tendere all’autodeterminazione, alla partecipazione consapevole, alla capacità di educare ai sentimenti per educarci alla politica, alla capacità di affermare il nostro diritto ad organizzarci rifiutando nel contempo il potere dell’organizzazione.

Nella seconda sessione, partendo da noi stesse e riaggiornando le analisi già prodotte sulle attuali condizioni di vita e di lavoro delle donne ( i processi di femminilizzazione del lavoro , la decostruzione dei sistemi di welfare, l’intreccio tra lavoro produttivo e di riproduzione domestica e sociale) abbiamo provato a ribadire il nostro desiderio di affermarci “differenti ma non diseguali” ponendoci alcune domande di fondo. Cosa intendiamo per lavoro oggi? Che senso ha il lavoro nella crisi globale? Com’è cambiato il senso del lavoro? Desideridiamo liberare il lavoro o liberarci dal lavoro? Come possiamo pensare il lavoro salariato in una prospettiva ecologica e di cura che si ponga l’obiettivo della trasformazione della società? In che modo i temi di genere possono scardinare la separazione tra il lavoro produttivo e il lavoro come autoaffermazione politica, cioè coscienza di sé stesse in una dimensione collettiva?

Nell’ultima sessione abbiamo affrontato il tema della laicità considerarata nei suoi diversi aspetti relativi sia alla separazione tra potere religioso e stato sia al contrasto dell’ingerenza delle religioni nella sfera pubblica. Così intesa la laicità apre la strada all’emancipazione umana e soprattutto all’autodeterminazione delle donne (intesa nel suo significato di liberazione dalle strutture personali e collettive che producono subalternità e dominanza). La laicità dunque può diventare una nostra alleata per affermare che i diritti delle donne devono essere considerati come diritti universali e che il principio di laicità va necessariamente inserito in quell’orizzonte di trasformazione di cui abbiamo parlato nelle sessioni precedenti. Nella situazione odierna, segnata dal ritorno di fondamentalismi religiosi di varia natura, resta però ancora aperta una questione di fondo : cosa voglia dire per una donna diventare laica, educandosi alla laicità e praticandola, sia nei confronti si se stessa sia nell’incontro con altre donne, in particolare quelle provenienti da altre culture.

Con questi interrogativi e con queste consapevolezze continuiamo con passione il nostro percorso politico.

IFE Italia / Costa Serina (BG) -Coop. Agricola “La Peta” / 24-25 Marzo 2012


In risposta a:

I’m impressed, I have to say

10 marzo 201408:24, di SheliaWalduis
Sono stato sorpreso non siete ritenuti molto popolari dato il fatto che quasi sicuramente possedete un dono seo test


Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Collegamento] [registrati] [password dimenticata?]

Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 313689

Monitorare l'attività del sito it    ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License