Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
Libia, quelle parole non andavano dette... - [IFE Italia]
IFE Italia

Libia, quelle parole non andavano dette...

domenica 11 aprile 2021

Pubblichiamo la lettera della rete femminista "nomurinorecinti" sulla visita in Libia del Presidente del Consiglio Draghi.

IFE Italia ha sottoscritto la lettera.

Durante la sua visita in Libia il capo del governo italiano ha lodato i cosiddetti "salvataggi" compiuti dalla guardia costiera libica. Indignate per questa offesa a tutte le vittime di violenze e stupri che lì avvengono, come Rete femminista No muri No recinti-Casa delle donne di Milano, abbiamo scritto questo appello, già sottoscritto da numerose realtà, Luoghi e Case delle donne di tutta Italia, e da molte singole. Per adesioni: info@casadonnemilano.it Libia, quelle parole non dovevano essere dette L’Italia dovrebbe vergognarsi di lodare i responsabili d’indicibili violenze contrarie a ogni diritto umano. Ancora una volta non in nostro nome. Davvero il capo del governo italiano non vede e non sa, oppure peggio, vede e sa ma finge di non vedere e di non sapere? «Noi esprimiamo soddisfazione per quello che la Libia fa, per i salvataggi, e nello stesso tempo aiutiamo e assistiamo la Libia»: queste le incredibili parole pronunciate da Draghi nella sua visita in Libia. Inchieste, testimonianze, report, tutte le fonti possibili inclusa l’Onu hanno mostrato al mondo l’orrore dei cosiddetti “salvataggi” che la guardia costiera libica compie senza alcun rispetto per la vita di profughe e profughi, e persino di bambini. Ne muoiono a migliaia in questi salvataggi, e se sopravvivono vengono riportati negli orrendi “campi di raccolta” che sono luoghi di sevizie, torture e stupri. Oltrepassato ogni limite. Può dunque l’ipocrita realpolitik patriarcale giungere a questi estremi senza nessuna protesta, senza nessuna opposizione? Sappiamo quanto oscuri siano i rapporti fra i paesi europei e le ex colonie africane, oggi vittime e in parte complici di nuove forme di sfruttamento. Sappiamo quanto torbido sia stato il legame fra Italia e Libia, come tutto ciò che nel mondo gira attorno al nodo delle risorse energetiche per alimentare lo sciagurato modello di sviluppo occidentale. Sappiamo quanto l’Italia sia stata connivente con l’assassinio di Gheddafi, selvaggio regolamento di conti all’americana contro un dittatore corrotto che però, guarda caso, aveva il torto di sognare l’indipendenza africana cui tutto il mondo è ostile. Oggi, tra le bande criminali che si combattono senza tregua per avere la meglio nel traffico di esseri umani, la Libia è diventata l’anima nera dell’Europa e dell’Italia che le hanno delegato il lavoro sporco sui migranti. Anche l’Onu ha condannato l’orrore dei campi di raccolta uguali a lager dove persone inermi subiscono ogni sorta di violenze da guardiani travestiti da agenti di sicurezza. Miliardi e miliardi elargiti dall’Europa pur di tener fuori il popolo migrante dal nostro sguardo e consentire a questi aguzzini per procura di guadagnarci sopra. Questa verità universalmente riconosciuta è ignota al capo del governo italiano? Una volta di più come femministe misuriamo l’abissale distanza che ci separa dalla politica maschile. Lo abbiamo già detto e scritto tante volte, nei documenti e negli appelli: “Quelle donne e quegli uomini in fuga sono entrati nella realtà del nostro stare al mondo, dietro i numeri snocciolati dalle cronache come un’arida contabilità noi abbiamo visto e percepito la materialità dei corpi in pericolo, quei corpi che potrebbero essere i nostri, quelle figlie e quei figli che potrebbero essere nostri, quei vecchi che potrebbero essere i nostri genitori, potremmo sentire lo stesso freddo, la stessa paura, la stessa fame. Ci siamo chieste che cosa significa allora per noi essere cittadine europee, che cosa rappresentano, per noi, confini e frontiere rispetto al diritto alla vita. “Primum vivere”, è la sfida lanciata da moltissime donne dei movimenti fin dall’incontro di Paestum. Abbiamo rifiutato l’idea di poter vivere in un’Europa capace di respingere, di chiudere le porte, di decretare chi abbia diritto di vivere e chi no”. Primum vivere è il principio di base che esprime la nostra posizione anche rispetto alla pandemia, perché riteniamo che la vita e la salute vengano prima del profitto, prima del prodotto interno lordo, prima del petrolio. Probabilmente l’angoscia che stiamo vivendo a causa del coronavirus accrescerà l’indifferenza per le vittime dei continui naufragi nel Mediterraneo, ormai coperti dal silenzio generale, o per coloro che rischiano la vita sulla rotta balcanica. Ma il diritto alla vita di chi cerca asilo non può essere cancellato o messo in secondo piano dalla tragedia del virus. Quelle parole in Libia non andavano dette. E noi dobbiamo denunciare ad alta voce questa gravissima ferita ai principi e ai valori di umanità e solidarietà che dovrebbero connotare la civiltà europea. Le parole pronunciate dal capo del governo non ci possono rappresentare, e l’Italia dovrebbe vergognarsi di lodare i responsabili d’indicibili violenze contrarie a ogni diritto umano. Ancora una volta non in nostro nome. Rete femminista No muri No recinti – Casa delle donne di Milano Per adesioni: info@casadonnemilano.it Prime adesioni: Casa internazionale delle donne di Roma, Libera Università delle donne, Casa delle donne di Ravenna, Casa delle donne di Torino, Giardino dei Ciliegi di Firenze, Associazione Orlando di Bologna, UDI nazionale, UDI Ravenna, IFE Italia, Nazione umana Varese, Donne in nero Varese, Donne in Nero Roma, Donne in nero di Padova, Gruppo femminista Società della Cura, Femminile Maschile Plurale Ravenna, Floriana Lipparini, Anita Sonego, Cecè Damiani, Antonia Sani, Francesca Koch, Nicoletta Pirotta, Ionne Guerrini, Adriana Nannicini, Alessandra Mecozzi, Margherita Granero, Maria Paola Patuelli, Paola Melchiori, Silvana Magni, Lia Randi, Gabriella Rossetti, Maria Luisa Boccia, Anna Nadotti, Fulvia Bandoli, Laura Morini, Maria Nadotti, Paola Redaelli, Maria Brighi, Parisina Dettoni, Adriana Redaelli, Bruna Orlandi, Silvia Cortesi, Barbara Pettine, Enrica Anselmi, Carla Bottazzi, Laura Quagliuolo, Francesca Rossi, Filomena Rosiello, Nadia De Mond, Marina Cavallini, Gianna Morgantini, Carla Visciola, Francesca Moccagatta, Clotilde Barbarulli, Gabriella Gagliardo, Stefania Soccorsi, Luisa Randi, Giuliana Peyronel, Vittoria Longoni, Maria Pierri, Vittoria Cova, Gianna Tangolo, Rina Cuccu, Elena Rosa, Loredana Magurano, Anna Moretti, Tina Faglia, Grazia Longoni, Giovanna Majno, Giovanna Cantore, Patrizia Celotto, Piera Vismara, Maria Rosa Del Buono, Margherita Salvadori, Isabella Bogni, Giovanna Cuminatto


Forum

Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 522118

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito MATERIALI DI APPROFONDIMENTO  Monitorare l'attività del sito 7.3 Pace,violenza, ambiente, guerre,sicurezza   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License