IFE Italia

Ammazzare con ogni mezzo

Mahmoud Mushtaha
domenica 21 gennaio 2024

" (...) A seguito della distruzione da parte di Israele del 75% delle case nella Striscia di Gaza, i rifugi si trovano ad affrontare una crisi ogni giorno più grave a causa del gran numero di sfollati. (...)"

Nel terzo mese di guerra del governo israeliano contro la Striscia di Gaza, questo territorio è stato teatro dei più gravi attacchi contro la popolazione civile da quando sono cominciati, dopo il 7 ottobre 2023. Nonostante i barbari bombardamenti effettuati dalle forze israeliane contro la popolazione, la loro politica di punizione collettiva con gli sfollamenti forzati e la fame hanno trasformato i bombardamenti in una questione secondaria.

A seguito della distruzione da parte di Israele del 75% delle case nella Striscia di Gaza, i rifugi si trovano ad affrontare una crisi ogni giorno più grave a causa del gran numero di sfollati. Ciò ha portato i residenti della Striscia a rifugiarsi nelle scuole e nelle università, malgrado questi luoghi non fossero adatti ad ospitare nessuno a causa dell’evidente mancanza di infrastrutture e attrezzature per far fronte ai bisogni primari dei palestinesi sfollati.

Secondo un rapporto dell’UNRWA , “i centri di accoglienza hanno già accolto circa 1,2 milioni di persone sfollate, mentre il numero di quelle costrette a fuggire dalle proprie case è stato stimato a 1,9 milioni, circa l’85% della popolazione della Striscia di Gaza”.

Il sovraffollamento dei rifugi li ha trasformati in ambienti favorevoli alla trasmissione di malattie infettive, nella completa assenza di assistenza sanitaria.

Shirin Aliwa, 37 anni, è una delle migliaia di residenti sfollati dal quartiere Sha’af di Gaza City all’Università di Al-Azhar: “La situazione sanitaria è catastrofica, non ci sono fognature né bagni puliti, la spazzatura viene gettata nei corridoi. Io e la mia famiglia – 49 persone in totale – condividiamo una stanza e tutte le famiglie qui stanno come noi”, dice.

Scabbia e pidocchi

La maggior parte degli sfollati nei rifugi lamenta la diffusione di malattie. “Io e i miei figli soffriamo di disturbi intestinali, diarrea e forti coliche. Non c’è acqua potabile, l’acqua è contaminata e le infezioni si trasmettono facilmente a causa del sovraffollamento”, racconta Shirin.

Iman Derzi, 43 anni, madre di cinque figli, dice che anche i suoi bambini soffrono di problemi intestinali e vomito e non migliorano con le cure che ricevono. Iman teme che i suoi familiari prendano la scabbia e i pidocchi, che hanno iniziato da tempo a diffondersi nel rifugio.

Una fonte medica dice a CTXT che le gravi epidemie sono inevitabili a causa della contaminazione degli alimenti e dell’acqua e del grave sovraffollamento dei rifugi. “L’attuale situazione sanitaria è molto pericolosa, soprattutto per i bambini e gli anziani. Non ci sono cure disponibili, non c’è cibo in buone condizioni e le persone hanno fame e sete a causa della scarsità di tutto. Temiamo che questa situazione continuerà”.

“Le malattie proliferano ovunque in questi centri, anche gli adulti sono infetti, gli ospedali di Gaza City non funzionano e quelli che funzionano non hanno più medicine”, dice Iman Saleh, 35 anni, studentessa della scuola Anas Ben Malik. “I miei quattro figli soffrono di una diarrea anomala dalla quale finora non sono guariti“, dice.

I punti sanitari dei centri di accoglienza riferiscono che la ragione principale della diffusione delle malattie è il sovraffollamento, anche i bambini che vengono curati si infettano nuovamente perché contagiati da altri.

Secondo Adnan Abu Hasna, consulente per i media dell’UNRWA, c’è stato un aumento del 40% delle malattie intestinali e del 32% di quelle della pelle. Abu Hasna teme che la situazione catastrofica possa peggiorare con la comparsa di casi di colera dovuti alla mancanza di acqua potabile e di rifugi salubri.

“Moriamo ogni giorno”

Ayman Hamid, 40 anni, padre di otto figli, è sfollato presso l’Università islamica di Gaza. “La spazzatura è ovunque, ci sono cattivi odori, bagni senza fognature, acqua contaminata e nessun cibo in buone condizioni. Stiamo morendo lentamente qui. Prima siamo stati sfollati in altri cinque rifugi e ora siamo qui all’università. Non so come andremo a finire, ma moriamo ogni giorno”, dice. “Temevo la morte dei miei figli a causa dei bombardamenti israeliani, ma ora temo che moriranno per le epidemie e la mancanza di assistenza sanitaria. Israele cerca di ucciderci con ogni mezzo possibile”. Secondo l’Osservatorio euromediterraneo per i diritti umani, i pazienti finiscono per morire tra atroci dolori se vengono privati ​​di medicinali, forniture sanitarie e altre necessità primarie.

Mentre la guerra israeliana contro Gaza continua per il terzo mese consecutivo, la vita viene sconvolta e la morte diventa routine. Scuole e università sono passate dall’essere icone scientifiche a luridi rifugi abitati da epidemie e malattie.

Fonte e versione originale: Ctxt

Traduzione per Comune-info: marco calabria


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 753243

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito MATERIALI DI APPROFONDIMENTO  Monitorare l'attività del sito 7.3 Pace,violenza, ambiente, guerre,sicurezza   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License