IFE Italia

Artemisia Gentilischi , storia di una passione. Milano, Palazzo Reale fino al 29 gennaio 2012

martedì 10 gennaio 2012.

Nata a Roma l’8 luglio del 1593, Artemisia Gentileschi compose, non ancora ventenne, una grandiosa Giuditta che decapita Oloferne e portò in tribunale il suo stupratore. “Fino al secondo dopoguerra” - osservano i curatori della mostra di Milano – “Artemisia viene ricordata più per il processo di stupro intentato al collega del padre, Agostino Tassi, che per i suoi evidenti meriti pittorici.” La mostra attualmente in corso al Palazzo Reale di Milano si propone di riparare a questa omissione, Artemisia Gentileschi è infatti una delle figure femminili più affascinanti della prima metà del Seicento. Pittrice caravaggesca, predilige tinte violente con le quali crea singolari giochi di ombre e luci. Femminista ante litteram, ha sostenuto con le parole e con la propria vita il diritto della donna a un lavoro autonomo e congeniale. Entrò all’Accademia delle Arti di Firenze, prima donna a godere di questo privilegio, tenne scuola di pittura a Napoli e lavorò in Inghilterra presso la corte del re. Morì a Napoli nel 1652, secondo quanto ci viene riportato, in solitudine e dimenticata. Di lei restano i quadri, i verbali di un processo per stupro e qualche notizia biografica. Il Palazzo Reale di Milano rende ora omaggio a questa poliedrica autrice ospitando una vasta selezione delle sue opere. In mostra oltre 40 tele, insieme a diversi documenti inediti, tra cui le lettere d’amore autografe scritte dall’artista al gentiluomo fiorentino Francesco Maria Maringhi. Capace di affrontare con grande maestria un’ampia gamma di generi pittorici e di temi, Artemisia sfidò le convenzioni sociali dimostrando coraggio, eclettismo e determinazione. Fu "una delle prime donne", scrisse nel 1947 Anna Banti, "che sostennero colle parole e colle opere il diritto al lavoro congeniale e a una parità di spirito tra i due sessi".


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 618889

Monitorare l'attività del sito it    ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License