Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.ifeitalia.eu/home/config/ecran_securite.php on line 283
Ttip, tutte le bugie sul trattato segreto Usa-Ue - [IFE Italia]
IFE Italia

Ttip, tutte le bugie sul trattato segreto Usa-Ue

di Thomas Fazi
martedì 22 aprile 2014

Fonte: http://ilmanifesto.it 19.4.2014

Col recente arti­colo uscito sul Sole 24 Ore («Ecco per­ché l’accordo com­mer­ciale Ue-Usa ‘regala’ 545 euro a ogni fami­glia euro­pea») pos­siamo con­si­de­rare uffi­cial­mente inau­gu­rata la cam­pa­gna di pro­pa­ganda a favore del Par­te­na­riato tran­sa­tlan­tico per il com­mer­cio e gli inve­sti­menti (Ttip), l’accordo di libero scam­bio e inve­sti­mento che Unione Euro­pea e Stati Uniti stanno nego­ziando in gran segreto. A sen­tire l’autore – che cita uno stu­dio rea­liz­zato dal Cen­tre for Eco­no­mic Policy Research (Cepr) di Lon­dra per la Com­mis­sione Euro­pea – il Ttip rap­pre­sen­te­rebbe una manna dal cielo per le asfit­ti­che eco­no­mie Ue.

E natu­ral­mente anche per quella ita­liana: più espor­ta­zioni per tutti (Pmi com­prese); più cre­scita (addi­rit­tura 119 miliardi l’anno per l’Ue, pari a 545 euro per fami­glia), non solo per l’Europa e per gli Usa ma per l’economia glo­bale nel suo com­plesso; meno buro­cra­zia e con­trolli; ecc. Il mes­sag­gio è chiaro: col Ttip ci lasce­remmo final­mente la crisi alle spalle. Pec­cato che tale otti­mi­smo sia men­tito anche dalla valu­ta­zione d’impatto sull’Italia com­mis­sio­nata dal governo all’istituto di ricerca Pro­me­teia, che giu­dica posi­ti­va­mente l’accordo (e que­sto non sor­prende) ma sot­to­li­nea che i bene­fici eco­no­mici delle libe­ra­liz­za­zioni si mani­fe­ste­reb­bero non prima di 3 anni dall’entrata in vigore, in una misura che va da un gua­da­gno pari a zero in uno sce­na­rio di libe­ra­liz­za­zione limi­tata ad uno 0.5% di Pil in più in uno sce­na­rio – defi­nito «otti­mi­stico» ma impro­ba­bile dagli autori dello stu­dio – di libe­ra­liz­za­zione totale. La con­clu­sione è più o meno in linea con quella dei quat­tro studi “uffi­ciali” che hanno finora det­tato il tono del dibat­tito pub­blico in Europa, sug­ge­rendo che l’accordo appor­te­rebbe nume­rosi bene­fici all’Ue, tanto più se lo sce­na­rio è quello di una «libe­ra­liz­za­zione profonda».

Gli studi in que­stione, per­lo­più com­mis­sio­nati dalla Com­mis­sione Euro­pea, sono quello sopra­ci­tato del Cepr, quello dell’Ecorys, quello del Cepii e quello di Bertelsmann/ifo. E le con­clu­sioni sono più o meno le stesse di quelle enun­ciate nell’articolo del Sole: più cre­scita, più espor­ta­zioni, più occu­pa­zione, meno «lacci e lac­ciuoli», ecc. E gli even­tuali effetti col­la­te­rali? Zero.

Dia­me­tral­mente oppo­sta, invece, è l’analisi del più recente stu­dio finora rea­liz­zato sul Ttip, a cura dell’Öfse, uno dei più auto­re­voli cen­tri di ricerca austriaci. Secondo il rap­porto dell’istituto vien­nese, com­mis­sio­nato dal gruppo par­la­men­tare euro­peo del Gue/Ngl, tutti gli studi pro-Ttip pre­sen­tano gravi omis­sioni ed errori meto­do­lo­gici che enfa­tiz­zano i pre­sunti bene­fici dell’accordo, igno­ran­done invece i rischi.

Par­tiamo dagli effetti sulla cre­scita. Gli aumenti in ter­mini di Pil e di salari reali, secondo i quat­tro paper sopra­ci­tati, vanno dallo 0.3 all’1.3% nel corso di un «periodo di tran­si­zione» di 10–20 anni. Anche pren­dendo come valide que­ste stime, stiamo par­lando di una cre­scita annuale che va dallo 0.03 allo 0.13% l’anno. Bri­ciole. Sul fronte dell’impiego, gli studi «uffi­ciali» pre­ve­dono che la disoc­cu­pa­zione rimarrà sta­bile, o al mas­simo scen­derà di uno 0,42%. Una stima (già poco allet­tante di suo) che l’Öfse defi­ni­sce «del tutto irrea­li­stica», pre­ve­dendo invece un aumento signi­fi­ca­tivo della disoc­cu­pa­zione (anche a lungo ter­mine) durante il periodo di tran­si­zione a causa della rior­ga­niz­za­zione dei mer­cati del lavoro nazionali.

Per quanto riguarda l’impatto del Ttip sul volume degli scambi com­mer­ciali, l’Öfse rico­no­sce che è pre­ve­di­bile un aumento delle espor­ta­zioni dell’Ue nel suo com­plesso, ma sot­to­li­nea che a bene­fi­ciare di que­sto incre­mento saranno soprat­tutto i grandi gruppi indu­striali, a sca­pito delle Pmi.

L’Italia è un caso esem­plare: secondo i dati for­niti dall’Organizzazione mon­diale del com­mer­cio le imprese ita­liane che espor­tano sono 210 mila, ma sono le prime dieci che deten­gono il 72% delle espor­ta­zioni nazio­nali – e che dun­que bene­fi­ce­ranno mag­gior­mente del Ttip. Gli autori, inol­tre, pre­ve­dono che l’ingresso di pro­dotti sta­tu­ni­tensi a basso costo sul mer­cato euro­peo ridurrà note­vol­mente il com­mer­cio intra-europeo (addi­rit­tura fino al 30%), a sca­pito soprat­tutto delle eco­no­mie meno export-oriented, che subi­reb­bero un pro­ba­bile dete­rio­ra­mento delle loro bilance commerciali.

Viene inol­tre cate­go­ri­ca­mente smen­tita la tesi, soste­nuta anche dalSole, secondo cui la libe­ra­liz­za­zione degli scambi tra Usa ed Ue «non avver­rebbe a sca­pito del resto del mondo». Secondo l’Öfse, il Ttip impat­te­rebbe nega­ti­va­mente le espor­ta­zioni e il Pil dei paesi meno svi­lup­pati, in vio­la­zione degli impe­gni dell’Ue a pro­muo­vere la Coe­renza delle Poli­ti­che per lo Sviluppo.

Ampio spa­zio è poi dedi­cato ai costi sociali ed eco­no­mici deri­vanti dall’eliminazione delle cosid­dette «bar­riere non tarif­fa­rie» – sarebbe a dire tutte le regole e gli stan­dard che ci siamo dati in mate­ria di nor­ma­tiva ambien­tale, diritti dei lavo­ra­tori, sicu­rezza ali­men­tare, ecc. –, su cui si gioca effet­ti­va­mente la par­tita del Ttip (visto che le bar­riere tarif­fa­rie tra Ue ed Usa sono già ai livelli minimi).

Tutti gli studi main­stream sul Ttip con­si­de­rano l’eliminazione di que­ste «bar­riere» un fatto welfare-enhancing, di benes­sere per la società. «Ma que­sto è sem­pli­ce­mente falso», dice Wer­ner Raza, uno degli autori del rap­porto Öfse. «Que­ste regole sono state create pre­ci­sa­mente per miglio­rare il benes­sere della col­let­ti­vità, e la loro eli­mi­na­zione avrebbe un costo sociale molto alto».

Infine, lo stu­dio dell’Öfse prende in con­si­de­ra­zione un aspetto del tutto sot­ta­ciuto dagli altri isti­tuti di ricerca: l’impatto che l’eliminazione degli introiti deri­vanti dalle bar­riere tarif­fa­rie rima­nenti avrebbe sul bud­get euro­peo, pari a una per­dita di 2,6 miliardi di euro l’anno. L’ultima cosa di cui l’Europa ha biso­gno in un momento in cui le finanze pub­bli­che sono già messe a dura prova dalle poli­ti­che di auste­rity. «Pochi i bene­fici eco­no­mici, molti i rischi e i costi poten­ziali» è in sostanza il giu­di­zio che l’Öfse dà del Ttip. Impos­si­bile allora non doman­darsi: per­ché il nostro governo ha abbrac­ciato il pro­getto con tanto entusiasmo?


Home page | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche delle visite | visite: 373250

Monitorare l'attività del sito it  Monitorare l'attività del sito MATERIALI DI APPROFONDIMENTO  Monitorare l'attività del sito 7.2 Eguaglianza,economia, diritti,welfare   ?

Sito realizzato con SPIP 2.1.1 + AHUNTSIC

POLITICA DEI COOKIES

Immagini utilizzate nel sito, quando non autonomamente prodotte:

Artiste contemporanee :
Rosetta Acerbi "Amiche" per la rubrica "amiche di penna compagne di strada" dal suo sito
Renata Ferrari "Pensando da bimba" sito "www.artesimia5.it" per la rubrica "speranze e desideri"
Giovanna Garzoni "Fiori" per la Rubrica "L'Europa che vorremmo" sul sito artsblog
Tutti i diritti su tali immagini sono delle autrici sopra citate

Pittrici del passato:
Artemisia Gentileschi "La Musa della Storia" per la rubrica "A piccoli passi" da artinthepicture.com
Berthe Morisot "La culla" per la rubrica "Eccoci" sito reproarte.com
Mary Cassat "Donna in lettura in giardino" per la rubrica "Materiali di approfondimento" "Sito Salone degli artisti"

Creative Commons License